Lavori straordinari in condominio, la filiera per ottenere il lavoro perfetto

I lavori in casa non sono mai un piacere ma quando si parla di lavori straordinari in condominio (vedi anche le operazioni di manutenzione straordinaria) il volto assume un pallore eloquente: spesso infatti l’avvio e l’esecuzione di lavori condominiali si portano dietro un iter burocratico che se non ben condotto rischia di diventare una seccatura. È per questo che l’Amministratore di condominio deve essere esperto: saprà gestire al meglio la situazione e attivare una “filiera virtuosa” che porterà i condòmini dritti verso il risultato perfetto, senza ostacoli. Noi in Condominal abbiamo grande esperienza nella manutenzione dei fabbricati e nella gestione di operazioni straordinarie!

 

Il lavoro condominiale perfetto, passo dopo passo

Innanzitutto la normativa vigente prevede che i condomini si dotino di un fondo speciale di accantonamento per i lavori straordinari. Questo fondo dal 2012 (riforma del condominio, che ha modificato l’articolo del codice civile relativo) è diventato obbligatorio: ciò a tutela sia dei condomini che in questo modo garantiscono la sostenibilità economica di questo tipo di interventi e non rischiano di incappare in spiacevoli sorprese (la partecipazione al fondo è divisa in modo equo tra tutti i condomini), sia a tutela della ditta appaltatrice che così sarà sicura della solvibilità del condominio.

 

Per quanto riguarda l’iter da seguire nell’affidamento e nello svolgimento dei lavori, negli anni Condominal ha acquisito una certa esperienza che condividiamo in questa snella scaletta:

 

Fase 1: Scelta del Tecnico Progettista
Fase 2: Predisposizione del progetto o computo metrico
Fase 3: Selezione delle Imprese qualificate e Garanzie
Fase 4: Gara di appalto

Lavori condominiali staordinari: la scelta del Tecnico progettista e le responsabilità dell’Amministratore

Quella del Tecnico progettista è la figura chiave che definisce il successo dell’intero percorso verso il “lavoro perfetto” e, per individuarlo, l’Amministratore di condominio segue un preciso iter procedurale; nel settore edile, inoltre, sarà necessario individuare e nominare anche le figure responsabili della sicurezza.
Per quanto riguarda l’individuazione del Tecnico e il successivo affidamento dell’incarico, questo deve essere deliberato dall’assemblea condominiale. È necessario prestare particolare cura ed attenzione nella selezione della figura professionale a cui affidarsi, con particolare riguardo ai risvolti connessi alla sicurezza dei cantieri, in quanto la delega fornita dal Committente (l’Amministratore in nome e per conto del Condominio) deve essere preceduta dalla verifica delle capacità e specifiche competenze tecniche e professionali del soggetto per sviluppare il progetto e predisporre l’avvio dei lavori: laddove tali competenze possano venire a mancare, al Committente potrà essere contestata la responsabilità per culpa in eligendo.

 

I criteri per la scelta di un buon Tecnico progettista sono molteplici e di sicuro non ci si può basare solo sul preventivo economico di spesa; è necessario conoscere la struttura tecnica a cui ci si affida e, nel caso di singoli professionisti, conoscerne il curriculum valutando i progetti già realizzati, l’esperienza e la formazione sulla materia.
I passi finali per portare a compimento i lavori condominiali straordinari: il progetto e l’appalto

 

Una volta individuato il Tecnico Progettista il passo successivo è la predisposizione del progetto e del relativo computo metrico. Tale passo è imprescindible al fine di evitare la valutazione di preventivi non omogenei, predisposti autonomamente dalle diverse ditte, e di conseguenza non raffrontabili; un capitolato dettagliato e ben predisposto garantirà la formulazione di offerte uniformi e sarà per poter confrontare le offerte è assolutamente necessario che le stesse siano formulate in modo uniforme, secondo lil medesimo capitolato.

 

Altro punto delicato è la selezione della ditta che concretamente effettuerà i lavori. Anche in questo caso non ci si può basare unicamente sulle referenze date dai singoli condòmini, ma è necessario approfondire l’esperienza in materia della singola impresa; possono essere considerate come qualifiche distintive le certificazioni di qualità, le certificazioni e i corsi di aggiornamento svolti, la possibilità di rilasciare garanzie postume decennali sull’intervento eseguito, le referenze dirette di cantieri già svolti negli anni precedenti.
Quella della scelta dell’Impresa è un punto cardine, quasi quanto quello del progettista.

 

Il passo finale verso il risultato perfetto: la gara d’appalto. Quello della gara d’appalto nel caso di affidamento di lavori straordinari condominiali è il tassello conclusivo di un percorso delicato, che non deve essere sottovalutato. Con l’ausilio del Tecnico si dovrà effettuare un confronto approfondito delle offerte pervenute, che sappia valutare l’aspetto economico senza dimenticare la qualità dell’impresa a livello di esperienza, mezzi, organico e garanzie offerte al condominio.

 

Devi programmare dei lavori straordinari nel tuo condominio e hai bisogno di una consulenza? Contattaci subito!