Il bonus da scegliere per un condominio alla portata di tutti

 

L’abbattimento delle barriere architettoniche è ormai da tempo un tema sul quale puntiamo l’attenzione e sul quale vogliamo sensibilizzare anche voi condòmini, coinvolti sempre di più in scelte importanti che riguardano la qualità dell’abitare dell’intera comunità in cui vivete.

 

Abbattere le barriere architettoniche - e quindi gli ostacoli che troviamo ancora troppo spesso nella nostra quotidianità - significa progettare una vita a misura di bambini, anziani, donne incinte, persone con disabilità, ma anche di tutti gli altri che magari potrebbero trovare i gesti quotidiani più comodi con qualche accorgimento in più.

 

Soluzioni smart e bonus barriere: una combinazione vincente!

 

Accorgimento che diventa sempre più tecnologico: dai sensori per l’illuminazione agli ascensori superefficienti fino alle serrature smart e alle soluzioni domotiche, l’intelligenza artificiale e le tecnologie digitali ci vengono sempre più incontro con risultati strabilianti.

 

In questo momento sarebbe poco furbo non scegliere di fare un passo verso il progresso, visto che il Governo ha da pochi mesi varato l’agevolazione fiscale del cosiddetto “Bonus Barriere Architettoniche”: si tratta di una detrazione del 75% (da ripartire in 5 anni) che spetta a chi sostiene spese per interventi finalizzati all’abbattimento di barriere architettoniche in edifici già esistenti. Qualche tempo fa ne abbiamo parlato qui.

 

Perché non cogliere l’occasione per rendere più moderno e accogliente il nostro caro, vecchio condominio che ogni giorno ci fa lottare un po’ quando usciamo e rientriamo? Grazie a questo bonus, infatti, è possibile rendere la vita più semplice a tutti. Per approfittarne, tuttavia, bisogna affrettarsi: i lavori devono iniziare entro il 31 dicembre 2022 e i limiti di spesa consentiti vanno dai 30 mila ai 50 mila Euro.

 

Cumulabilità e cessione del credito: perché scegliere il bonus barriere architettoniche

 

Cessione del credito e sconto in fattura: strumenti che rendono più accessibile ogni nuova agevolazione fiscale e che sono previsti anche per il bonus barriere architettoniche.

Se non bastasse, ricordiamo che questa misura fiscale è cumulabile anche con altri bonus ma attenzione: non si può applicare se si stanno eseguendo lavori legati al Superbonus 110%. In quest’ultimo caso gli interventi per l’abbattimento o il superamento delle barriere architettoniche rientrano nel Superbonus e quindi viene applicata la relativa normativa.

 

Il tema delle barriere architettoniche viene troppo spesso legato a quello della disabilità. È corretto, ma abbraccia tanto di più: come dicevamo, anche noi un giorno potremmo trovare difficoltoso salire i cinque gradini che ci separano dal portone d’ingresso, basta solo slogarci una caviglia; oppure accendere gli interruttori della luce, se in mano abbiamo le buste della spesa, il passeggino o un bimbo in braccio; oppure non abbiamo più l’agilità di una volta e fare due piani di scale diventa problematico. Pensiamoci bene, condominio inclusivo vuol dire migliore qualità della vita per tutti, ma proprio tutti, i suoi abitanti!

 

Contattaci per saperne di più sull’amministrazione condominiale, ti aspettiamo!