Cumulabilità dei bonus fiscali: le opportunità di cui approfittare secondo Condominal.

 

Nell’ultimo periodo, grazie alle tante opportunità offerte dalle numerose agevolazioni fiscali previste dal Governo, stiamo assistendo a un vero e proprio “boom” in materia di ristrutturazioni e riqualificazioni immobiliari.

 

Ad ogni angolo di strada ci sono cantieri e ponteggi, segno tangibile dell’eccitazione dei cittadini allettati dall’opportunità di effettuare rinnovamenti e ammodernamenti di rilievo approfittando degli incentivi fiscali. Due su tutti: il Bonus Facciate 90% e il Superbonus 110%, spesso utilizzati in combinazione tra loro, sfruttando la possibilità consentita dalla normativa.

 

Cumulabilità dei bonus fiscali: insieme è meglio!

 

Un consiglio che diamo è infatti quello di sfruttare la cumulabilità dei bonus, cioè la possibilità di poter combinare le diverse agevolazioni fiscali per ottenere un maggiore vantaggio.
La cumulabilità dei diversi bonus per le ristrutturazioni, infatti, assieme all’estensione del meccanismo della cessione del credito con sconto in fattura, è stata senz’altro una delle chiavi di volta di questo enorme impulso economico dato dai bonus fiscali per la casa.

 

La grande maggioranza dei cantieri attualmente in corso in realtà è legata al bonus facciate 90%. I cantieri connessi al Superbonus 110% stanno partendo adesso; la vera novità, tuttavia, è che i tecnici stanno progettando interventi integrati che sfruttano una serie di agevolazioni cumulabili tra loro. Un esempio classico è quello dell’intervento di isolamento termico dell’edificio (ad esempio il cappotto) sfruttando il bonus 110%, procedendo contemporaneamente al rifacimento dei balconi approfittando del bonus facciate 90%; in molti casi a questi si aggiungono anche interventi minori o accessori, avvalendosi del più “tradizionale” bonus ristrutturazioni 50% (per esempio i serramenti dei vani scale che non possono rientrare nell’ecobonus 110% ma che sono inseribili come ristrutturazione tradizionale).

 

Condomìni e privati nel pieno rispetto delle normative

 

Tutte le opportunità offerte dai bonus, compresa la cumulabilità, possono essere sfruttate anche per interventi di carattere privato (anche se attualmente i bonus individuali abbiano valenze più ridotte). Vi è anche la possibilità di cumulabilità tra interventi condominiali e privati: non tutti sanno che in un edificio dove è in corso un intervento per il Superbonus 110%, il singolo condomino può collegarsi a tale pratica edilizia per approfittare dell’opportunità prevista dal bonus mobili 50%, recentemente innalzato ad importi fino a 16 mila Euro.

 

Noi di Condominal ci raccomandiamo sempre di rispettare le regole, su questo siamo inflessibili. Non bisogna farsi ingolosire: è sufficiente sfruttare ciascun bonus per quello che è stato previsto. Non si può né si deve essere ingordi “infilando” interventi non previsti all’interno di bonus specifici. Risultano già diversi abusi in ambito bonus facciate 90%, in virtù del fatto che tale agevolazione non ha un limite di spesa: ricordiamo che l’Agenzia delle Entrate si riserva sempre l’accertamento e che le sanzioni sono pesantissime.

Da cittadini e Amministratori di condominio attenti alla tutela dei propri clienti diciamo che non bisogna prendere scorciatoie: non possiamo e non vogliamo inserire, ad esempio, un impianto citofonico o un portone, o una rete di recinzione nel bonus facciate poiché non vi rientrano e sarebbe una speculazione scorretta oltre che, obiettivamente, poco remunerativa.

 

Ci vuole equilibrio e grande rigore professionale: questa la ricetta per non correre rischi, al di là del fatto che, ad esempio in ambito Superbonus, ci sono dei meccanismi di tutela già previsti dalla legge. Hai bisogno di una consulenza condominiale? Contattaci per fissare un appuntamento!